Oggi ti porterò in Norvegia, il paese conosciuto per i fiordi più belli al mondo, per le montagne che si “buttano” direttamente nel mare, per le foreste immense, per le aurore boreali… ma anche la sua capitale è tutta da scoprire!

2 giorni a Oslo, capitale della Norvegia, sono abbastanza per innamorarsi dello stile di vita scandinavo. È un mix di sviluppo tecnologico e tutela dell’ambiente, infatti riesce a conciliare uno stile di vita cosmopolita con la natura incontaminata.

Allora partiamo subito con lo scoprire cosa vedere ad Oslo, rimanendo anche solo per 2 giorni, le visite che non dovrai dimenticare:

Il Fiordo

Oslo panorama

La città di Oslo è adagiata in fondo all’Oslofjord, che s’insinua per 100 km nel bacino di Skagerrak.

Nel fiordo ci sono circa 40 isole, alcune delle quali abitate da pescatori, che possono essere raggiunte facilmente dal porto di AKer Brygge in battello e in 10 minuti circa.

Le Casette colorate

Passeggiando per le vie del centro ti troverai subito in un bel parco in cui rilassarti, la città è moderna, verde e pulita, le persone sono semplici e ti sentirai  a tuo agio.

Danstredet e Telthusbakken sono due strade del centro molto famose perché conservano ancora la tradizionale architettura norvegese, resterai affascinato dalle “Casette di legno” che si susseguono nei loro colori pastello: azzurre, gialle rosa ma anche blu, verde bottiglia e rosso vermiglio.

Il Castello di Akershus

Questa fortezza, con tre torri difensive, è situata sul promontorio che sovrasta il Fiordo di Oslo, sul lato ovest del porto e fu fatta erigere per difendere la città dai nemici verso la fine del  fine del XII sec. sotto il regno di Hakon V.

Nel 1600 per volere del Re Cristiano IV fu trasformata in un palazzo in stile rinascimentale. Oggi il complesso, pur conservando la fortezza, ospita un parco utilizzato per spettacoli teatrali e concerti all’aperto durante la stagione estiva.

All’interno vi è anche il Castello più antico Kershus Shott, le cui sontuose sale sono utilizzate dal governo attuale. Nella Cappella reale si custodiscono all’interno del Mausoleo le spoglie dei Reali di  Norvegia.

Da non perdere il cambio della guardia che si svolge tutti i giorni alle 13.30.

La Cattedrale

La meravigliosa chiesa del nostro Salvatore consacrata nel 1697 è famosa per le sue stupende vetrate istoriate e per il soffitto dipinto con scene dal vecchio e nuovo Testamento, un’opera di Emanuel Vigeland, fratello del celebre scultore Gustave.

Di pregevole fattura è la pala dell’altare datata 1748 con una raffigurazione dell’Ultima cena e della Crocifissione, opera di Michael Rash.

Il Museo “Munch” e il famoso “Parco di Vigeland”

Naturalmente Oslo è una città piena di risorse e ricca di attrazioni come musei, gallerie d’arte e teatri, da non perdere è la visita al Museo Munch, dedicato al famoso pittore Edward Munch.

Al suo interno si possono ammirare i suoi quadri più famosi come La Madonna, il Vampiro, la Gelosia , il Bacio e il più conturbante: “L’URLO”, di cui ce ne sono ben 4 esemplari in giro per il mondo, sempre dello stesso autore.

Urlo di Munch in Norvegia

Ma per ammirare il “Grande senso artistico” della città bisogna recarsi a visitare il “Parco Vigeland” che ospita ben 212 sculture in granito e bronzo del famoso scultore norvegese Gustav Vigeland.

Le statue più famose sono: quella del Sinataggen “la piccola testa”, che raffigura un bambino che scalcia i piedi e il Monoliten  una colonna alta 17 metri dove 121 figure umane si avvinghiano l’una sull’altra come se lottassero per raggiungere la cima dell’Obelisco.

Sicuramente l’ora più idonea per la visita è quella del tramonto, quando le ombre creano giochi di luce spettacolari.

I Dintorni di Oslo

La città ha una periferia suburbana molto estesa, la collina dell’Holmenkollen, verso nord, è la zona più visitata d’inverno dagli sciatori, mentre la penisola di Bygdoy dove si trova la spiaggia di Huk è la più amata dai naturalisti durante l’estate.

In questa zona è situato proprio il famoso “Museo delle navi Vichinghe” un’attrazione di sicuro interesse per tutti coloro che amano il mondo dei Vichinghi e non.

Nel suo interno si possono ammirare importanti imbarcazioni funebri dell’epoca dove venivano conservate le spoglie dei nobili insieme agli arredi e tutto quanto si pensava potesse servire loro nell’aldilà.

Tra le imbarcazioni spicca quella di Oreberg che richiedeva almeno 30 rematori come equipaggio. Sulla poppa e sulla prua presenta decorazioni suggestive:  draghi e serpenti intagliati in legno. Ma l’imbarcazione più importante di tutte è quella del vichingo Gok Stad.

Sempre ad ovest della città si trova Il “Teatro dell’Opera”, un edificio imponente rivestito di marmo bianco proveniente dall’Italia che sembra emergere dal mare stesso. Situato proprio nel centro del Fiordo di Oslo è considerato come il più grande edificio pubblico costruito in Norvegia.

La Movida

Ritornando verso il porto nelle zone di Aker Brygge e Tjuholmen, lungo i moli è possibile trovare dei locali alla moda ed eleganti.

Se è vero che Oslo è conosciuta per essere la città più cara d’Europa non stringere la cinghia, non servirebbe, meglio concedersi qualche lusso in più e godersi la vacanza.

Tra le capitali europee ha conquistato quest’anno il titolo di  “Capitale verde 2019”, perciò se dovessi capitare ad Oslo per 2 giorni che sia in Primavera, Estate o Inverno la città è perfetta per le passeggiate a piedi o in bici.

Allora viaggiatore, vuoi scoprila con un itinerario fantastico?

Oslo città

Leave a Reply

Resta Aggiornato

Iscriviti alla nostra Newsletter

Noi odiamo lo Spam quanto te, la tua e-mail non sarà mai ceduta o venduta a terzi.